Sabato 30/11/2002, alle 10,00, gli alunni di questo Istituto, con la collaborazione dell’EduForm Onlus, si esibiranno in una manifestazione pubblica sull’ecologia per celebrare la Festa degli alberi.

30 novembre, 2002 Archiviato in News

30/10/2002 Invito Festa degli Alberi

             Di fronte allo scempio ecologico e ai disastri connessi, la scuola non può restare a guardare. Educare all’ambiente per conoscerlo e rispettarlo è il Progetto principale che stiamo svolgendo quest’anno nel quadro della compartecipazione alle iniziative riguardanti lo sviluppo sostenibile mediante la promozione della cultura ecologica.

            In questa prospettiva l’Istituto Montessori ha eletto il territorio come aula didattica decentrata in cui gli alunni effettuano concretamente attività dal vivo “ in tempo reale” mediante le modalità apprenditive della ricerca sperimentale, fondamentale ed applicativa, attingendovi mezzi e strumenti atti a consentite loro di gestire, per fini formativi e per uso funzionale, il complesso delle sue risorse.

            Non si tratta di trascurare il compito istituzionale tradizionale della trasmissione, fra generazioni, del patrimonio culturale, ma di favorirne addirittura l’appropriazione, con nuove modalità operative utilizzando, fra l’altro, le nuove tecnologie di apprendimento, coniugando il sapere astratto col fare concreto, affinché la cultura possa effettivamente conseguire la sua realizzazione pratica.

            Sicché l’architettura complessiva che adottiamo nell’organizzazione dell’apprendimento trasversale  è costituita da una struttura culturale formata dal Progetto di Educazione ambientale e da parti collegate e integrate in moduli interattivi, costituite da una serie di Progetti, già resi noti con precedenti comunicazioni, per assicurare l’arricchimento organico, sincronico e diacronico nel processo di apprendimento del saper ecologico allo scopo di adottare razionali rimedi contro gli scempi ed il degrado e prepararsi, con convinzione e coscienza, alla prevenzione dei disastri cosmici, collaborando sinceramente con la natura, secondo l’insegnamento di Francesco Bacone il quale, fin dal 1620, ci ha ammoniti che “non si vince la natura se non obbedendole”. Gli alunni così si convincono che l’uomo non è lo sfruttatore dissennato della natura, ma il suo tutore, il suo difensore che cerca di mantenere in atto l’equilibrio delle risorse più vitali della terra e che se ne serve responsabilmente.

            Perciò recupereremo col Progetto il rapporto organico con la natura mediante la crescita della cultura ambientalista ed una formazione di qualità per la sostenibilità ambientale, consapevoli che oggi l’ambiente è un patrimonio vitale in pericolo da salvaguardare a tutti i costi perché l’uomo fa parte della terra e questa non appartiene a lui.

Download PDF versione stampabile

I commenti sono chiusi.