Giornata per la legalità in Campania – 22 marzo 2004

22 marzo, 2004 Archiviato in News

 

 Il Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Campania e l’Assessore all’Istruzione della Regione Campania, di concerto, hanno diramato una nota congiunta in data 2/2/2004, con la quale invitano le scuole a svolgere, il giorno 12 marzo 2004, la “Giornata per la Legalità in Campania”.

Premetto che tale Giornata fu da noi anticipata col Convegno che organizzammo il 5/12/2003 perché solo in tale giorno avemmo la possibilità di fruire del contributo di studio, di pensiero, di riflessione e di militanza del Prof. Amato Lamberti, Presidente della Provincia di Napoli, il quale ha voluto, creato e reso operativo fin dal 1995 l’Osservatorio della Criminalità.

Sul convegno nel prossimo numero del giornale scolastico “Oltre la Scuola” sarà pubblicato un ampio servizio curato dalla Prof.ssa Lorenza Cerciello.

Ricordo a tutti che, sull’educazione alla legalità e alla cittadinanza attiva, abbiamo in atto lo svolgimento dell’omonimo Progetto, basato essenzialmente sulla convinzione che la cultura della legalità costituisce per quest’Istituto il nodo di tutta l’educazione alla stessa, concepita, sentita e vissuta trasversalmente.

Non pecchiamo di presunzione se evidenziamo che il nostro Istituto si è imposto ed è apprezzato per l’impegno di studio e di iniziative, diretto a mobilitare le coscienze giovanili per prevenire e contrastare l’intensificarsi dei fenomeni criminosi.

E’ sufficiente evidenziare che la nostra pubblicazione “Breve viaggio nel pianeta dell’infanzia” (Autrice Ida Scognamiglio)  è stata vivamente apprezzata dall’Ufficio Scolastico Regionale per la Campania ed è stata acquisita, su espressa richiesta di tale Ufficio, al Centro di Documentazione Regionale contro la Camorra e sarà quanto prima divulgata sul relativo sito web.

Questi ambiti riconoscimenti ci incoraggiano a fare sempre meglio e di più per i nostri giovani, senza preconcette selezioni,  che sortiscono solo emarginazione e disorientamento, snaturando la missione educativa quando si vogliono privilegiare  solo gli iperdotati , in spregio al diritto alla pari opportunità sancita dalla Costituzione cui hanno diritto anche i meno dotati. 

Download PDF versione stampabile

I commenti sono chiusi.