Educazione alla Convivenza. Progetto di educazione ambientale. Celebrazione Festa degli alberi. Venerdì 19/11/2004, ore 10,00. Invito.

9 novembre, 2004 Archiviato in News

         Con la presente comunicazione invitiamo i genitori alla celebrazione della festa degli alberi, organizzata dall’Istituto con la collaborazione dell’Eduform Onlus. La manifestazione avrà luogo venerdì 19/11/2004, alle ore 10,00, nella palestra e nell’auditorio multimediale.

                Da anni portiamo avanti un Progetto di educazione ambientale finalizzato ad incrementare la cultura del rispetto dell’ambiente e della promozione dello sviluppo sostenibile, soffermandoci sulla necessità di contrastare lo scempio ecologico. Al progetto ambientale si ricollegano in maniera stellare tante altre iniziative effettuate con moduli interattivi, affinché l’arricchimento del sapere ecologico si traduca in azioni convinte e coscienti per arginare lo scempio ecologico onde prevenire i disastri cosmici che quotidianamente attentano alla vita universale a causa dello sfruttamento dissennato della natura. Siamo tutti consapevoli che oggi c’è acceso dibattito tra i sostenitori e oppositori alle coltivazioni degli Organismi Geneticamente Modificati (OGM).

Ma i piccoli e i giovani, che dovrebbero essere i più interessati alle scoperte che modificheranno le loro abitudini alimentari, il loro tenore di vita nel futuro, vengono tenuti al di fuori di certi discorsi. Non neghiamo, perché ne siamo i fautori, che la scienza non faccia il suo corso, ma vorremmo che anche gli anziani che ci hanno preparato la vegetazione, le coltivazioni, l’ambiente, gli scenari fantastici montani, collinari e di pianura, con tanta cura e devozione, nel ricordo addirittura che nell’antichità la mitologia poneva a tutela dell’ambiente un esercito di divinità minori, fossero ascoltati dalla scienza. Vogliamo che la stessa nell’epoca della globalizzazione, persuadesse gli pseudoscienziati a non abbattere le foreste, a non provocare incendi, inquinamenti ed altri scempi, dirottando i loro interessi su energie e risorse alternative e su altri ritrovati per salvaguardare la natura e la vita dell’umanità.

                Ed ecco lo slogan creato dagli alunni per la ricorrenza della festa degli alberi, allo scopo di rimediare al divorzio fra tradizione e progresso scientifico:

“ Festeggiamo gli alberi, illuminandoli con la luce della saggezza della tradizione popolare”.

                Dunque , oltre alla plantumazione che eseguiranno gli alunni più piccoli, nell’auditorio multimediale l’Ing. Antonio Raia, menager del Centro di Ricerca in Matematica Pura ed Applicata ( CRMPA) dell’Università di Salerno, terrà un’interessante conferenza sull’armonico connubio fra tradizione e progresso silvano, dal titolo “ Dal racconto del nonno alla trasmissione multimediale: continuità nella discontinuità. Le nuove generazioni alla scoperta dei valori silvani: storia, tradizioni, tecniche ed innovazioni. Quale futuro?”.

                Tutti ci lamentiamo che ormai l’autunno non esiste più : siamo passati bruscamente dall’estate all’inverno . Le farmacie sono affollate di gente che chiede medicinali per il raffreddore. Ma perché tutto questo? Non potrebbero essere i dissennati disboscamenti delle foreste equatoriali e la rasatura a zero delle creste montane i fattori che hanno determinato lo stravolgimento degli equilibri e sconvolgimenti metereologici?

                Ed allora ritorniamo alle origini ed educhiamoci a rispettare il creato ed a frenare il cemento e l’asfalto che travolgono il verde dei paesaggi.

                Insegniamo agli altri che la prevenzione non è mai troppo tardi per fermare la vendetta della natura. Rispettiamola come facevamo i nostri avi e così il sole tornerà a “sorridere” alla campagna che ci sarà più benigna,  ridandoci il clima della quiete dopo la tempesta.

Download PDF versione stampabile

I commenti sono chiusi.