Progetto WET – Water Education for Teachers. Terza edizione rinnovata. Partecipazione A.S. 2008/2009.

6 ottobre, 2008 Archiviato in News

 L’esperienza indicata in oggetto alla quale parteciperanno gli alunni della scuola primaria di quest’Istituzione è promossa da Sanpellegrino spa con la collaborazione di WET International Fondation.Si tratta di una iniziativa finalizzata a sensibilizzare i bambini alla salvaguardia delle risorse idriche mediante un uso responsabile dell’acqua, al riciclo della plastica ed alla raccolta differenziata. Essa va inserita nel Progetto di Educazione Ambientale e di cultura ecologica allegato al POF, i cui percorsi già sono in fase attiva nell’ambito di una durata permanente in quanto, oltre agli obiettivi intermedi di natura immediata e pratica, intendono realizzare finalità educative di radicale cambiamento di mentalità, abitudini e comportamenti nei riguardi del problema dei rifiuti e della salvaguardia dell’ambiente.L’utilizzo del kit didattico, contenente gli strumenti necessari per affrontare i temi proposti, tra cui una guida metodologica e materiali di lavoro, coinvolgerà attivamente, e con modalità ludiche inedite, gli alunni arricchendo ulteriormente il già cospicuo patrimonio di competenze, mediante approfondimenti tematici e di sperimentazioni tecnico-pratiche attraverso lezioni dimostrative ed attività laboratoriali estese a rilievi diretti sul territorio.

E’ appena il caso da ricordare, per una diuturna dovuta gratificazione ai nostri alunni della primaria, che essi sono diventati famosi per aver avuto il merito e l’onore di essere stati scelti dalla Fondazione del Banco di Napoli per l’Assistenza all’Infanzia per illustrare l’opuscolo illustrato “Il Segreto di ogni giorno – guida alla magia della raccolta differenziata”, stampato in carta riciclata al 100% e distribuito gratuitamente agli abitanti della città di Napoli.  E’ questo un forte segnale dell’elevato grado di sensibilità maturata dai nostri alunni, grazie all’apprezzata professionalità delle loro insegnanti, per la quale finalmente abbiamo l’occasione di additarle come autentiche maestre di cittadinanza attiva.

Download PDF versione stampabile

I commenti sono chiusi.