Auguri di buon lavoro per l’anno scolastico 2010/2011 del Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Campania.

16 settembre, 2010 Archiviato in News

 Con la presente comunicazione diramo la gradita Nota prot. n. AOO.DRCA.Uff. Dir. n. 15596/U, datata 14/09/2010, del Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Campania, dott. Pietro Esposito.

Partendo dalla riflessione sulle condizioni preoccupanti create dalla crisi economica mondiale, le cui conseguenze deleterie stanno mettendo in difficoltà anche la scuola, è convinto che la buona volontà di tutti cercherà di risolvere ogni problema.

Su questa linea, la scuola militante saprà svolgere il suo compito istituzionale con impegno e serietà d’ intenti. Con tale convinzione il Direttore Generale si rivolge al personale della scuola, agli alunni e genitori formulando a tutti gli auguri di trascorrere un anno scolastico operoso, sereno e tranquillo nell’aiutare gli alunni a diventare cittadini impegnati nella costruzione di un mondo migliore a vantaggio di tutta l’umanità, senza discriminazioni.

Orbene, per consentire che il beneaugurante messaggio possa giungere ai destinatari più interessati, onde ne traggano non solo gli auspici, ma riflettano soprattutto, in maniera significativa, sui tratti salienti che offrono spunti e idee per entrare con consapevolezza e convinzione nel dibattito dell’ampio panorama creato dalle condizioni critiche in cui versa la scuola, prego i signori docenti di leggerlo e commentarlo alla classe.

La presa di coscienza dei problemi e dei valori veicolati dal messaggio, nella visione complessiva, sinteticamente tratteggiata con stile misurato e sobrio e con modalità comunicative convincenti ed efficaci, nell’intenzione dell’illustre mittente, è finalizzata soprattutto a coinvolgere gli studenti nel rapporto partecipativo motivato e corresponsabile con la comunità scolastica docente, mediante il discernimento delle luci ed ombre che vivacizzano il quotidiano funzionamento della scuola che finalmente si rinnova con la riforma che da qualche giorno è partita.

Download PDF versione stampabile

I commenti sono chiusi.