Progetto Educazione alla Salute. Distribuzione del materiale didattico di supporto al Programma “Gli stili di vita per la prevenzione delle tossicodipendenze”, prodotto dall’Osservatorio Fumo, Alcol e Droga dall’Istituto Superiore di Sanità.

22 settembre, 2011 Archiviato in News

Con la presente comunicazione informo questa comunità scolastica che in data odierna sono stati consegnati ai docenti che l’anno scorso ne fecero richiesta al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali i kit per aggiornare, con i prodotti recenti realizzati in concorso con l’Istituto Superiore di Sanità e con l’Osservatorio Fumo, Alcol e Droga, la dotazione di sussidi di apprendimento dei nostri laboratori specifici, prima di iniziare la ripresa del Progetto indicato in oggetto.       Ringraziamo il Ministero che cortesemente ci ha fatto pervenire i kit richiesti contenenti film, cd con percorsi multimediali interattivi e materiale cartaceo consistente in opuscoli con istruzioni per l’uso.

I kit sono stati consegnati ai docenti indicati in bacheca. Gli altri docenti eventualmente interessati  al Progetto possono concordare con loro eventuale attività di intergruppo per condurre insieme le esperienze proposte dal Ministero in parola.

Considerato che la prima fase di quest’anno ha per tema i danni derivati dal tabagismo, consentitemi qualche considerazione.

Nel Progetto educazione alla salute che svolgiamo annualmente in tutte le scuole ed istituti di quest’Istituzione fin dal 1990 è precisato, fra l’altro, che esso è finalizzato a destare nei giovani, fin dalla fanciullezza ( Progetto Ragazzi 2000) e addirittura dall’infanzia (Progetto Arcobaleno) un nuovo e sempre aggiornato interesse per la salute educandoli a dare sempre più valore ed un sempre più esteso significato di vita ad ognuno di loro, familiarizzandoli tempestivamente con argomenti di benessere fisico, psichico, morale, mentale e sociale.

La prima sezione, come accennato, è riservata allo studio dei danni derivati dal tabagismo e la seconda sezione a quelli prodotti dalle sostanze stupefacenti, con il ricorso a strategie operative di comune utilizzazione e polivalenti di contrasto, intese a realizzare un efficace e consolidato presidio di prevenzioni, servendoci di supporti tecnologici e multimediali sperimentati efficaci, nonché di quelli di recente brevettati e registrati.

Ad adiuvandum, considerato che i problemi, anche se sembrano facili da gestire, nascondono insidie di varia natura( scientifiche, mediche, legali, psicologiche, sociologiche, culturali, morali, ecc.), organizziamo anche convegni e seminari, iniziative e tavole rotonde con la partecipazione di esperti soprattutto  in anatomofisiopatologia sulla cura di se stessi,sulla pericolosità del fumo che contiene circa 4000 componenti dannosi fra nicotina, monossido di carbonio, sostanze irritanti che colpiscono soprattutto l’apparato respiratorio, il cuore ed il sistema circolatorio, l’apparato digerente, il cervello, ecc.

Download PDF versione stampabile

I commenti sono chiusi.