Partecipazione alla manifestazione organizzata da EvaProEva nell’ambito della III edizione del Progetto “Il Rumore del Silenzio”. Mercoledì 25 novembre – ore 10.00 – Teatro Summarte di Somma Vesuviana.

19 novembre, 2015 Archiviato in News

Mercoledì 25 novembre, alle ore 10.00,  gruppi di  allievi delle nostre scuole secondarie di 1^ e 2^ grado, guidati dalle professoresse Angri Rosangela, (a cui è affidato il compito di coordinatrice), De Stefano Rosanna e Fusco Giuseppina parteciperanno alla manifestazione della III edizione de “Il rumore del silenzio”,  programmata dall’Associazione EvaProEva  presso il teatro Summarte della città di Somma Vesuviana.

Con l’evento, ricco di proposte,  il solerte ed operoso  Sodalizio intende celebrare l’annuale Giornata Internazionale, decretata nel 1994 dall’ONU  con la Dichiarazione dell’eliminazione della violenza contro le donne.

Il meeting si svolgerà in due tempi: uno di carattere artistico e l’altro di natura sociale, psicologica, pedagogica, morale,  giuridica e politica, col contributo di esperti e competenti professionisti i quali si alterneranno trattando specifiche tematiche sulle molteplici forme di violenza praticate contro le donne, di cui in questi ultimi tempi si avverte una spaventevole recrudescenza criminogena e pervasiva, sfociante, non di  rado, addirittura in sconcertanti episodi di femminicidi. Indicheranno le strategie atte a prevenire i fenomeni ed i rimedi per scongiurarne gli effetti dirompenti e risponderanno ad eventuali interlocutori.

Forniranno istruzioni operative per promuovere concretamente la  libertà e la dignità delle donne, insistendo sulla necessità che tutti si impegnino nel dare impulso alla cultura della pari opportunità.

Intanto, allo scopo di evitare che il dibattito che seguirà possa arenarsi in imprevedibili disquisizioni teoriche, gli organizzatori del convegno hanno previsto  che “avremo inoltre testimonianze di coloro che hanno vissuto in prima persona episodi di violenza”.

Ebbene, quest’Istituzione è  felice di aderire  volentieri  all’iniziativa, compiacendosi con EvaProEva sommese, che è  decisamente impegnata in una campagna di sensibilizzazione dei cittadini a rispettare i diritti  e la dignità, la sicurezza e l’uguaglianza delle donne, ponendo un freno al rischio che corrono di essere maltrattate ed abusate brutalmente ed invitando a  riflettere sulle conseguenze deleterie  che ne derivano.

Inoltre, quest’Istituto nella qualità  di membro della Rete delle Scuole Associate all’UNESCO, si compiace di avere nella nostra città questa benemerita Associazione con cui ci confrontiamo e intendiamo cooperare costruttivamente in una missione per la quale, come è noto, l’UNESCO, Agenzia Specializzata dell’ONU, è attiva in tutto il mondo, realizzando di propria iniziativa  innumerevoli  progetti e incoraggiando nel contempo  scuole, istituzioni pubbliche e private affinché si impegnino nelle attività educative, scientifiche e culturali  rientranti  nel quadro dell’ideale rispetto universale per la giustizia, per lo stato di diritto e per tutti i diritti umani e le libertà,  affermati dalla Carta dei diritti fondamentali dell’ONU.

Pertanto, noi montessoriani, come educatori Unescani, apprezziamo e incoraggiamo EvaProEva  in quanto, in  coincidenza con i nostri Progetti educativi e didattici, svolge  meritevoli programmi mirati a sensibilizzare il pubblico a prevenire  e combattere ogni forma di stalking  e di  violenza  fisica, psicologica e sessuale che si consuma  non solo fuori ma paradossalmente spesso anche all’interno della famiglia.

Non mi resta da aggiungere che la dura realtà della centrifuga società di oggi ha bisogno di essere frenata da persone saldamente costituite, ricche di un valido patrimonio culturale, etico e spirituale, capaci di nutrire ed espandere grandi sentimenti improntati ai valori morali e educativi perenni, disposte ad aiutare senza titubanze e transigenze i soggetti deboli perseguitati e sinistrati dalle storture della vita e di chi, senza coscienza, insidia il benessere della loro serena esistenza.

Ebbene, di queste persone cariche di umanità, che i nostri allievi conosceranno durante la manifestazione, è costituito il gruppo di EvaProEva  che lotta contro la deplorevole ed assurda e degenerante sopraffazione che si materializza a danno della donna indifesa.

Download PDF versione stampabile

I commenti sono chiusi.